Sono soluzioni sempre più praticate per arredare i soggiorni, soprattutto quelli moderni, non caso vengono scelte perlopiù quando si decide di rendere i propri spazi meno retrò, più freschi. Un’impresa che non sempre è facile da ottenere e per la quale può essere utile ricorrere ad alcune soluzioni pratiche alternative.
Ultimamente si sta facendo largo il ricorso alle pareti attrezzate per soggiorni: un complemento di arredo che è composto da diversi elementi in grado di unire funzione estetica e pratica coniugando quindi al meglio tecnologia moderna e comfort abitativo.
Questo perché le moderne pareti attrezzate consentono di sfruttare al meglio piani di appoggio specifici per inserire diversi oggetti di uso quotidiano fungendo sostanzialmente da mobile su misura per soddisfare esigenze spaziali e funzionali.

Come predisporre la parete attrezzata moderna

Ed è importante curare al meglio tutti gli aspetti, sia quello funzionale che quello estetico, perché essendo un complemento di arredo che andrà a coprire la parete del nostro soggiorno, per gran parte della giornata lo avremo davanti agli occhi e di conseguenza dovrà essere di nostro gradimento.
La parola d’ordine è sempre mischiare, quindi unire elementi di diversa natura per dare uno stacco e conferire un aspetto estetico di sicuro gradimento, come si diceva. Ecco allora che in una parete attrezzata moderna trovano spazio libri, Tv, impianti Hi-fi, servizi per la tavola e quant’altro. Non quindi un qualcosa di omogeneo, ma tanti elementi differenti tra di loro che creino quindi uno stacco mantenendo comunque un filo conduttore. Perché dalla scelta della parete attrezzata e dal modo in cui la si arrederà, dipenderà poi buona parte dei colori, dello stile e delle forme che si andrà ad imprimere al salotto.

La scelta della parete adatta

Una buona soluzione per le pareti attrezzate da salotto è quella di ricorrere a idee su misura con sistemi modulari, quindi in grado di sfruttare al massimo ogni centimetro di spazio da coprire. Sempre partendo da un’idea soggettiva, da quello che si vuole far vedere di sè, quindi comunicare. Perché una parete attrezzata andrà a parlare di noi stessi a seconda che sia dato maggiore risalto ai libri ad esempio, ai cd musicali, piuttosto che non ad altri oggetti lasciati in vista sui ripiani. Anche il fattore praticità gioca un ruolo importante perché ciò che è di uso quotidiano, quindi quello che verrà utilizzato con maggior frequenza, dovrebbe essere facilmente reperibile.
Di soluzioni oggi ce ne sono realmente tante: esistono pareti attrezzate in legno, in metallo, con abbinamenti all’apparenza forti, di vari colori e forme. Perché si deve pur sempre ricercare una qualche armonia con il resto della stanza ragionando sempre in ottica effetto finale. Un soggiorno arredato in stile classico, con mobili antichi, difficilmente potrà sposarsi con soluzioni di pareti attrezzate moderne, decisamente più adatte ad arredi meno classici.