Dal 9 al 14 aprile il polo fieristico di Rho ospiterà come ogni anno il Salone del Mobile di Milano, quello che può essere indicato come il più importante evento di settore a livello continentale. Una kermesse la cui importanza è testimoniata dai ben 1500 espositori i quali andranno ad occupare i vari hub tematici predisposti dall’organizzazione, ovvero il Salone Internazionale del Mobile, quello del Complemento d’Arredo, Euroluce, SaloneUfficio e SaloneSatellite.
Come ovvio che sia l’attesa è notevole, proprio in considerazione dell’importanza di una manifestazione che è ormai uno degli appuntamenti più rilevanti in una città che sembra destinata a proseguire la sua crescita, dopo i fasti dell’Expo’.

L’omaggio a Leonardo Da Vinci

Uno sguardo sul futuro, senza però recidere le radici con un passato fastoso: questo è il tema di fondo che dominerà il Salone meneghino ed a richiamarlo sarà in modo particolare l’omaggio a Leonardo Da Vinci, in concomitanza con il 500° anniversario della sua morte.
Tanti gli eventi messi in campo dall’organizzazione, tra i quali va segnalato il Milan Design Market, giunto alla sua quarta edizione, ovvero la mostra-mercato di via Pastrengo curata da Elif Resitoglu il cui tema sarà stavolta Find the lost City, una selezione di progetti che sono stati varati partendo da materiali non convenzionali.
Altro appuntamento denso di interesse sarà poi Ventura Centrale, che avrà come location la Stazione Centrale, ove saranno predisposte 17 installazioni ad opera di designer provenienti da mezzo mondo. Si tratta comunque della classica punta dell’iceberg, considerato come lungo l’arco della manifestazione siano previsti eventi e feste in grado di calamitare l’attenzione su una kermesse sempre più importante a livello globale.

Una notevole occasione per capire le nuove tendenze

Il salone del Mobile di Milano anche quest’anno si propone di fungere da osservatorio privilegiato per chi intenda studiare più da vicino le ultime tendenze relative al mondo della casa e dell’arredamento, con un occhio di riguardo per le ultime scoperte tecnologiche, per la domotica e l’applicazione dell’etica sostenibile.
Va quindi visto in questa ottica il notevole allargamento dell’evento, testimoniato in particolare dall’accordo triennale raggiunto con la Fondazione Teatro alla Scala sino al 2021, anno in cui avverranno le celebrazioni dei sessant’anni della manifestazione.
Un allargamento testimoniato anche dall’apertura ufficiale della kermesse con un grande concerto, nel corso del quale il maestro Riccardo Chailly, direttore musicale del Teatro alla Scala di Milano, sarà impegnato a dirigere le ouverture da Semiramide e Guglielmo Tell di Gioachino Rossini e Quadri da un’esposizione di Modest Musorgskij, nell’orchestrazione di Maurice Ravel.
Per informazioni sulla kermesse Salone del mobile di Milano 2019 è possibile consultare il sito ufficiale www.salonemilano.it.