Un dilemma che attanaglia chiunque si appresti ad arredare la propria casa ed in particolare la cucina con mobili su misura, artigianali ma anche in stock: come fare per scegliere le dimensioni più appropriate? Su quali misure di mobili conviene orientarsi?
Una domanda che apre un campo smisurato di ipotesi ed opportunità dato che la situazione cambia a seconda della tipologia di mobile, della conformazione dell’ambiente da arredare e, come sempre, dei gusti personali.
Il punto di partenza, fondamentale, è quello di prendere le misure della cucina per capire la tipologia di mobili da inserire: ed allora ci si deve armare di metro tradizionale, di quelli usati dalle sarte o in ambito edilizio per capirci; o, perché no, per i più tecnologizzati anche di metro laser, che molti smartphone oggi mettono a disposizione.

Prendere le misure: la dimensione della cucina

Per essere sicuri di non sbagliare l’altro consiglio è quello di prendere le misure in più punti perché può succedere che i muri non siano perfettamente diritti o che gli angoli non siano esattamente a 90 gradi. Dopo aver preso le misura delle dimensioni della cucina inizia il passaggio successivo, ovvero scegliere i mobili di conseguenza.
Da ricordare che in nessun altro ambiente della casa è indispensabile avere le dimensioni esatte dato che si tratta di arredare con mobili che devono essere inseriti a filo garantendo al contempo facilità di utilizzo all’utente finale. Non è un caso che molti scelgano le dimensioni dei pensili della cucina partendo anche dalla propria corporatura: ebbene si, anche l’altezza di un individuo può influire su questo fattore.
E se installare pensili è una scelta sempre più praticata vista la possibilità di personalizzare l’arredo unita al vantaggio di tenere in ordine la cucina, diventa di fondamentale importanza andare a stabilire l’altezza del pensili della cucina. Al riguardo è utile ricordare che i pensili hanno solitamente dimensioni e misure standard e che la loro profondità è solitamente intorno ai 35 centimetri così da lasciare spazio di lavoro sul piano cucina sottostante.

Misure pensili e piano cucina

A fare la differenza è sempre la tipologia di cucina: nel caso di cucina componibile ad esempio, si avranno tanti elementi ciascuno di dimensioni differenti le cui misure sono solitamente 15 e multipli di 15. Ovviamente nel caso di necessità particolari, realtà come la nostra attive nel campo dell’arredamento su misura possono andare a fornire soluzioni di dimensioni personalizzate.
Non esistono quindi misure standard per la cucina e le dimensioni cambiano a seconda di molteplici fattori, non ultimo quello della comodità partendo dall’altezza di colui il quale dovrà fruirne. Esistono tuttavia alcune accortezze ed indicazioni, come quelle sopra elencate o come l’abitudine di utilizzare pensili di dimensioni inferiori rispetto alla base onde evitare urti accidentali con la testa.
La profondità dei mobili per cucina ed in particolar dei pensili si muove entro misure standard mentre l’altezza del pensile varia in base alle necessità. Per arredare un cucina ed essere sicuri di farlo in modo efficace, facendo ricorso a mobili di dimensioni giuste, tutto quello che occorre è capire quali sono le proprie esigenze, armarsi di pazienza e di…metro, così da andare a misurare con esattezza ogni singolo centimetro della cucina.