Home » Blog d’arredamento » News » Materiali per esterni: la pietra di Luserna
pietra di Luserna

Materiali per esterni: la pietra di Luserna

Quando si è alla ricerca di materiali per le finiture esterne, la pietra rappresenta una delle migliori soluzioni in assoluto. Utilizzata fin dall’antichità, consente di dare vita a soluzioni non solo eleganti, ma anche in grado di reggere al trascorrere del tempo, riuscendo a soddisfare tutte le esigenze stilistiche. Si tratti di granito, marmo o pietra serena, è un materiale che può in effetti contribuire a rendere unici gli spazi destinati ad accoglierlo.
Tra le varietà più utilizzate in assoluto, spicca in particolare la pietra di Luserna, una roccia metamorfica che viene estratta all’interno di cave posizionate nelle Prealpi Cozie del Piemonte centro-occidentale, nella zona che si stende tra la Val Pellice e la Valle Po. Oltre che nel comune da cui trae il nome si trova anche nel territorio comunale di Bagnolo Piemonte, Barge e Rorà. Andiamo a conoscerla più da vicino per capirne meglio le caratteristiche che ne hanno costruito la fortuna.

Cos’è la pietra di Luserna

La pietra di Luserna è uno gneiss, ovvero un materiale brillante, inalterabile alle intemperie e allo sfregamento, per effetto di una eccezionale resistenza, nonostante lo spessore ridotto che la distingue. Come accade per tutte le pietre, anche nel suo caso una volta che sia stata estratta è oggetto di una serie di lavorazioni destinate ad esaltarne le caratteristiche, al fine di poter essere impiegata sia in pavimenti per esterni che negli interni.
È proprio nei rivestimenti esterni, però, che riesce a rendere al meglio, per effetto delle proprietà antiscivolo di cui è dotata. In particolare, viene utilizzata per la pavimentazione delle zone a bordo piscina, ove è in grado di esaltare questa pregiata caratteristica. È anche utilizzata a livello urbanistico, per pavimentare piazze e giardini, un utilizzo particolarmente intenso nel corso degli anni a cavallo tra le due guerre, proprio a Torino e in buona parte del Piemonte.
La maggior parte delle scale e dei marciapiedi del capoluogo sabaudo fu realizzata in quei decenni proprio facendo leva su questa pietra, come accaduto del resto per alcuni dei più importanti edifici storici del capoluogo piemontese, tra cui i palazzi di Racconigi e Venaria Reale, o nella Mole Antonelliana di Torino ove è stata usata per la copertura.

I motivi per scegliere la pietra di Luserna

Quali sono i motivi che spingono ancora oggi a optare per la pietra di Luserna? In particolare, occorre menzionarne 3:

  1. il design affascinante che riesce a evidenziare, con un taglio unico il quale si mixa alla perfezione con un aspetto semplice, naturale ma al contempo molto elegante;
  2. la capacità di esaltarsi con il trascorrere del tempo. Non solo non si rovina, ma riesce anche a seguire le trasformazioni dell’ambiente circostante, mantenendo un aspetto naturale;
  3. la grande versatilità, tale da farne un materiale adatto ad un gran numero di applicazioni.

Proprio per effetto di queste caratteristiche la pietra di Luserna è molto richiesta in Italia e Paesi esteri come Australia, Stati Uniti, Giappone e Thailandia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.